Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Sessualità e zona erogena

zona erogena

Con questo articolo termino la trilogia dedicata alle zone erogene del nostro corpo, certo non è un trattato approfondito sulla sessualità, ma per muovere i primi passi o sviscerare maggiormente l’argomento basta e avanza.

Zona erogena n. 8: natiche
Costituite da tre fasce muscolari, le natiche richiedono una mano decisa per attivare la massa delle loro terminazioni nervose. Un numero sempre maggiore di persone ama essere sculacciato: il dolore fa in modo che le endorfine vengano rilasciate provocando una sensazione piacevole e alcuni uomini affermano di sentire la ripercussione del colpo nel loro punto G (la prostata, detto anche punto P), mentre le donne la avvertono all'altezza della radice del clitoride, nei due rami che si stendono lungo i bordi laterali della vagina e che arrivano fino al sedere. Cercate di eseguire dei movimenti energici mediante leggeri colpi dati con le unghie per un finale veramente erotico.

Zona erogena n. 9: perineo
Il perineo, la piccola porzione di pelle compresa tra i genitali e l'orifizio anale, è ricchissimo di terminazioni nervose sia nelle donne che negli uomini ed è molto sensibile alle sollecitazioni che vanno da lievi colpi di lingua a massaggi più decisi. Quelle persone che traggono piacere dalla stimolazione delle zone posteriori, ma che non gradiscono l'idea della penetrazione anale, possono trovare che la stimolazione del perineo sia la migliore alternativa, dal momento che la pressione esercitata su di esso può essere avvertita anche all'interno dell'ano (per ulteriori suggerimenti sulla sessualità anale e sui possibili giochi anali torneremo in seguito con articoli mirati).

Zona erogena n. 10: parte interna delle cosce
Toccando la pelle delicata di questa zona erotica viene veicolato il messaggio di «stare per aprire le danze» che raggiunge direttamente i genitali. Fate durare questa delicata pregustazione vagando pigramente attorno all'area appetitosa della carne delle cosce, baciandola e mordicchiandola teneramente, ma mai oltre i cinque minuti, in quanto soffermarsi troppo può infastidire o far rilassare eccessivamente il partner.

Zona erogena n. 11: piedi
La sessualità del piede: una zona relativamente ampia del cervello è riservata alla ricezione delle informazioni che provengono dalle nostre estremità ed è per questo che i piedi sono un importante oggetto sessuale. Lo stress, spietato killer della libido, può essere allontanato mediante un bel massaggio dei piedi e si dice che l'area tra le dita abbia uno stretto rapporto con quella genitale. Tanto per iniziare fate un pediluvio al vostro partner, passate poi la lingua tra le dita prima di succhiare a lungo e con decisione l'alluce (per ulteriori suggerimenti sui giochi erotici da poter fare con i piedi torneremo con articoli specifici).

Curiosità sessuali:
I ricercatori della Charles University di Praga hanno dimostrato che l'odore delle ascelle delle donne durante il periodo fertile del mese è attraente per gli uomini, mentre il messaggio chimico inviato durante le mestruazioni, periodo meno fertile, risulta il più repellente.
Quindi quando ci si trova a metà del ciclo è il momento buono per sbracciarsi con aria disinvolta, senza far capire che si è in cerca di un uomo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Archivio articoli

SexBanner

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.