Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Malattie a trasmissione sessuale

malattie sessuali

Per mantenere il vostro «equipaggiamento» sempre ben funzionante, controllatevi spesso e correte subito ai ripari se sospettate che ci sia qualcosa che non va. Qui di seguito troverete un elenco delle MTS (malattie a trasmissione sessuale) più diffuse assieme alla descrizione dei possibili sintomi e alle cure previste. Ma ricordate che l'unico modo per evitare rischi è avere sempre rapporti protetti.

1 - AIDS e HIV
Tra tutte le malattie a trasmissione sessuale l’AIDS (forse) è quella che fa più paura, vediamo di cosa si tratta. L'HIV (human immunodeficiency virus) è un virus che attacca il sistema immunitario e genera l'AIDS (acquired immunodeficiency syndrome).

Sintomi: l'AIDS si manifesta mediante sintomi vari che includono febbre, perdita di peso, diarrea o comparsa di piaghe, mentre l'HIV è asintomatico. In media trascorrono tra gli otto e gli undici anni dall'infezione da HIV prima che compaiano le prime avvisaglie dell'AIDS.

Cura: in primo luogo, esistono alcuni medicinali anti-HIV (o antiretrovirali) che hanno aumentato le speranze di vita dei sieropositivi, ma le cure sono complesse e a volte è necessario protrarle per tutta la vita. Inoltre, possono avere seri effetti collaterali.
Il secondo tipo di trattamento comprende anche i medicinali necessari per tutte quelle patologie che possono manifestarsi in concomitanza all'AIDS e varia a seconda della diagnosi medica.
Un altro possibile tipo di terapia include l'intervento di dietologi, fisioterapisti, consulenti oltre ai servizi di assistenza e supporto forniti da organizzazioni di volontari.

2 - CLAMIDIA
Infezione batterica che, se trascurata, può provocare la sterilità nelle donne.

Sintomi: perdite vaginali anomale, dolore nell'urinare o concentrato nel basso ventre. Sfortunatamente la clamidia spesso è asintomatica per questo sono indispensabili regolari controlli medici.

Cura: una diagnosi tempestiva e la conseguente terapia riducono il rischio di complicazioni, quindi è importante effettuare dei controlli a scadenza regolare presso il proprio ginecologo. Di solito la cura prevede l'impiego di antibiotici e il coinvolgimento del partner nel trattamento, così da evitare il continuo passaggio dell'infezione da una persona all'altra.

3 - GONORREA
La gonorrea è un'infezione batterica che può attaccare il pene, la vagina e l'ano.

Sintomi: perdite anomale, dolore nell'urinare o concentrato nel basso ventre.

Cura: la gonorrea viene curata con una dose singola di antibiotici tradizionali assunti per via orale o tramite iniezione. Se le condizioni non migliorano dopo questo tipo di trattamento, il dottore dovrà prescrivere un medicinale alternativo più forte. Occorrerà prendere un appuntamento presso lo studio medico dove siete in cura a distanza di 72 ore dall'assunzione dell'antibiotico per constatare se questo ha avuto effetto. I contatti sessuali devono essere evitati fin quando non sarà confermato il buon esito della terapia.

4 - Epatite
L'epatite va a colpire il fegato. Ne esistono più di quattro tipi, anche se quelli A e B sono maggiormente diffusi. Non tutti sanno che l’epatite si trasmette sessualmente e spesso ne viene sottovalutata la pericolosità. Invece è bene sapere che l’epatite C porta un numero non irrilevante di contagiati al trapianto di fegato.

Sintomi: febbre, dolori, inappetenza, spossatezza, temporanea itterizia (ingiallimento della pelle), urine di colore molto scuro, nausea dolore addominale.

Cura: non esiste un trattamento specifico per l'epatite e molte persone guariscono completamente nell'arco di un paio di mesi. State a riposo e se avete la nausea evitate i cibi grassi e gli alcolici, dal momento che la malattia attacca il fegato infiammandolo. A volte è possibile che ci sia bisogno di andare all'ospedale per ripristinare il normale livello di liquidi nel corpo mediante una flebo e, se i sintomi sono particolarmente gravi, bisognerà assumere dei farmaci. Il prurito causato dall'itterizia occasionalmente richiede un trattamento ospedaliero.
In ogni caso, se si sviluppa una forma cronica di epatite, la cura può comprendere un medicinale antivirale chiamato interferone, che aiuta a evitare che il virus provochi dei danni maggiori al fegato. L’interferone si assume attraverso iniezione tre volte alla settimana per circa sei mesi e dunque è consigliabile imparare a fare le iniezioni da sé. Purtroppo, a seconda del ceppo virale dell’epatite C (cronica), l’interferone su alcune persone non ha effetto e ciò porta ad un aggravamento della malattia fino alla necessità di un trapianto di fegato per poter vivere. Quindi insisto: fate molta attenzione a questa subdola malattia sessualmente trasmissibile!

5 - Herpes
L'herpes genitale è un'infezione ricorrente della pelle che causa ulcere dolorose nell'ano, nella vagina o sul pene.

Sintomi: prurito e/o vesciche sui genitali, sintomi simili a quelli dell'influenza come mal di testa o rigonfiamento delle ghiandole.

Cura: purtroppo non c'è una cura specifica per questa patologia, ma esistono delle compresse antivirali che riducono la gravità dei sintomi. Il dolore causato dall'herpes genitale non tende a diminuire con gli antidolorifici tradizionali perché è causato dall'irritazione dei nervi che sono colpiti dal virus. Altri medicinali come antidepressivi triciclici o Carbamazepina, usata nel trattamento dell'epilessia, possono essere efficaci.

6 - Virus del papilloma umano (HPV)
Il virus del papilloma colpisce la pelle dell'area genitale e della cervice, provocando verruche genitali. Alcuni tipi di HPV possono causare il cancro del collo dell'utero.

Sintomi: presenza di verruche piatte o escrescenti, ma è possibile anche non avere sintomi.

Cura: l'HPV è un virus ricorrente ma può restare latente come l'herpes, manifestandosi in presenza di stress. Possono essere applicate delle sostanze chimiche sulle verruche per uccidere le cellule, come ad esempio l'azoto liquido, che viene impiegato per bruciare i porri: dopo l'applicazione si forma una bolla, seguita da una crosta che cade nell'arco di una settimana, dieci giorni massimo. Esistono inoltre delle creme che stimolano il sistema immunitario a combattere il virus.

7 - Sifilide
Si tratta di un'infezione batterica che può diffondersi in tutto il corpo e colpire organi vitali come cuore, cervello e sistema nervoso. La sifilide è la malattia a trasmissione sessuale per antonomasia, i nostri nonni ne avevano il terrore perché gli antibiotici ancora non esistevano e quindi la sifilide non era curabile.

Sintomi: piaghe e verruche nella zona genitale, eruzioni e sintomi influenzali.

Cura: il trattamento comune della sifilide prevede l'iniezione di antibiotici. Il partner deve essere informato e si raccomanda di evitare contatti sessuali fino al momento in cui le ulcere si saranno rimarginate e l'infezione sarà del tutto sparita.

8 - Pidocchio del pube
Anche conosciuto col nome scientifico di Pthirus pubis o più comunemente come piattola, questo parassita si annida tra i peli pubici.

Sintomi: l'unico sintomo riscontrabile è il prurito, a parte la tendenza a spostarsi saltellando ... no, scherzo!

Cura: il rimedio più efficace contro le piattole prevede l'utilizzo di shampoo speciali, creme e lozioni che sterminano i parassiti e le uova.

«Per la prima volta nella Storia, il sesso è più pericoloso della sigaretta che ti fumi dopo».
Jay Leno, conduttore americano di talk-show.

Commenti   

 
-1 #1 romina 2014-02-07 17:36
oddio....tutte queste cose....
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Archivio articoli

SexBanner

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.